Storia

    Il Museo Baroffio e del Santuario, di proprietà della Parrocchia di S. Maria del Monte, è attualmente gestito, in accordo con la Parrocchia, dalla Fondazione Paolo VI per il Sacro Monte di Varese, fondata nel 2001 da Mons. Pasquale Macchi.

    L'origine del Museo risale alla fine dell'Ottocento, quando nacque l'idea di custodire in sede degna alcuni importanti reperti del Santuario di S. Maria del Monte e preziose donazioni che l'avevano arricchito nel corso dei secoli. Il Museo del Santuario fu aperto nell'agosto del 1900 in tre angusti locali della canonica. Nel 1929 la Parrocchia di S. Maria del Monte ereditò la raccolta d'arte del barone Giuseppe Baroffio dall'Aglio (Brescia 1859 - Azzate, Varese 1929) e una cospicua somma per edificare un museo che accogliesse, insieme alla collezione Baroffio, quanto era già parte del Museo del Santuario. Il Museo Baroffio fu inaugurato dal cardinale Ildefonso Schuster nel settembre del 1936.

    Nel 2001, dopo impegnativi lavori di recupero, ampliamento e valorizzazione, il Museo Baroffio e del Santuario è stato riaperto.

     


A.M.E.I. Sede legale Pisa, P.zza Duomo n.17 - sede operativa: C/O Museo Diocesano Tridentino, P.zza Duomo 18, 38122 TRENTO
Tel.:0461 234419 / Fax: 0461 260133 / Email: info@amei.info
Copyright 2010 - A.M.E.I. Associazione Musei Ecclesiastici Italiani- tutti i diritti riservati