Storia

    Il Museo Diocesano di Milano, inaugurato dal cardinal Carlo Maria Martini il 5 novembre 2001, è il punto di arrivo di auspici e di decisioni che hanno visto protagonisti - seppure con diverse modalità di intervento - alcune tra le maggiori figure di Arcivescovi milanesi degli ultimi ottant'anni.

    La prima idea per il Museo Diocesano risale al 1931, quando il Beato Ildefonso Schuster, arcivescovo di Milano, incoraggia la nascita di un'istituzione specificamente dedicata a promuovere l'amore per l'arte presso "le persone a Dio dedicate" e al tempo stesso volta ad impedire la dispersione del cospicuo patrimonio artistico della Diocesi. Il suggerimento viene accolto solamente nel 1960 dal Cardinal Montini che individua come sede del nuovo Museo i chiostri di Sant'Eustorgio, luogo di storia e di preghiera fra i più significativi per la storia del cristianesimo ambrosiano ma anche gravemente danneggiato dai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Toccherà al Cardinal Martini, negli anni Ottanta, il compito di portare a termine il progetto di Schuster,  avviando la ricostruzione e il riadattamento dei chiostri, affidati allo studio Belgiojoso. Già nel 1989 è stato ultimato il primo lotto, nel 1995 il secondo e nel dicembre 1997 sono iniziati i lavori per il terzo, terminati nell'autunno 2001. Il restauro, messo a punto nei suoi criteri generali con la Soprintendenza ai Beni Architettonici e Ambientali, si pone come conservativo in alcune aree e di ripristino delle condizioni originarie in altre. Il quarto lato del chiostro, interamente distrutto dagli eventi bellici, sarà ricostruito nei prossimi anni, a completamento del circuito museale.

     


A.M.E.I. Sede legale Pisa, P.zza Duomo n.17 - sede operativa: C/O Museo Diocesano Tridentino, P.zza Duomo 18, 38122 TRENTO
Tel.:0461 234419 / Fax: 0461 260133 / Email: info@amei.info
Copyright 2010 - A.M.E.I. Associazione Musei Ecclesiastici Italiani- tutti i diritti riservati