Sede

    L'antica chiesa di San Pietro è una della parrocchie di “prima generazione” della città, ossia fa parte degli originari titoli con cura d'anime, che vennero istituiti a Diano a partire dall'alto-Medioevo. Della tradizione classica, San Pietro conserva il podio d'età romana, collocato su un lato della scalinata d'accesso e sul quale si innalza il portico rinascimentale, contenente il portale di ingresso del 1477, commissionato dalla famiglia senese dei Malavolta. La chiesa è stata interessata nel corso dei secoli da una continua trasformazione di spazi ed ambienti, che ne hanno riconfigurato, volta per volta, la sua fisionomia architettonica. Alla prima aula a navata unica, con abside sporgente, vennero affiancati alcuni ambienti sul lato destro, tra cui le cappelle e l'alto campanile. Il risultato fu quello di stratificare un edificio semplice, con una complessa volumetria, il cui interno si arricchì di una concentrazione di opere d'arte di ogni tempo. A partire dal Trecento, la chiesa iniziò ad essere privilegiata dalle sepolture di nobili personaggi, di quel periodo di splendore rimangono due significative tombe a cassa, una di stucco policromo del 1401, appartenente al milite Bartolomeo Francone e l'altra in pietra locale del 1512, dell'arcidiacono Guglielmo Rossi. Nel Cinquecento e nel Settecento, l'interno fu interessato da un ricco programma decorativo, di cui rimangono oggi significativi lacerti d'affresco. Nel XIX secolo la chiesa parrocchiale perse via via d'importanza, fino a veder soppresso il suo titolo di cura d'anime (trasferito nella vicina Sant'Agostino); il terremoto del 1857, che ne indebolì le strutture architettoniche, decretò la chiusura dell'edificio sacro. L'area urbana in cui è sita l'ex chiesa, ora museo, è una delle più interessanti di Teggiano, occupando la parte più alta del pianoro su cui sorge la città. Sulla stessa piazza su cui prospetta il Museo, sono presenti il seminario diocesano (tra i più antichi d'Italia), l'episcopio, la chiesa di San Martino e quella di Sant'Agostino (ex convento degli Eremitani).

A.M.E.I. Sede legale Pisa, P.zza Duomo n.17 - sede operativa: C/O Museo Diocesano Tridentino, P.zza Duomo 18, 38122 TRENTO
Tel.:0461 234419 / Fax: 0461 260133 / Email: info@amei.info
Copyright 2010 - A.M.E.I. Associazione Musei Ecclesiastici Italiani- tutti i diritti riservati