Collezione

    Il Museo Diocesano di Gaeta rappresenta la storia di un territorio che va ben oltre gli aspetti religiosi, approfondendo gli aspetti artistici e le committenze di un ricco territorio che, dal medioevo fino al termine del regno partenopeo, ha avuto momenti privilegiati nella storia del Meridione d’Italia.

    Il Museo oggi espone una complessità di oggetti, pertanto ne citiamo solo alcuni. Tra le opere a stampa, oltre ai libri d’ore, citiamo un incunabolo stampato, a Gaeta, nel 1488, quindi pochi anni dopo che Gutenberg inventasse la stampa a caratteri mobili (1455). La sezione di paramenti liturgici mette in evidenza la preziosa committenza del Capitolo Cattedrale nel poter acquisire manifatture pregiate (sec. XV -XIX).

    La pinacoteca è molto ricca.

    Completa l’esposizione una sezione di stampe: un gruppo raffigura il territorio di Gaeta, Formia, Fondi, Minturno e Montecassino; una sezione è dedicata al Papa Pio IX; l‘ultimo assedio è rappresentato attraverso alcune stampe acquerellate; vanno segnalate alcune incisioni e le relative stampe riproducenti il martirio di Sant’Erasmo di Carlo Saraceni (Cattedrale) e la benedizione dei Santi Erasmo e Marciano alla città di Gaeta.

A.M.E.I. Sede legale Pisa, P.zza Duomo n.17 - sede operativa: C/O Museo Diocesano Tridentino, P.zza Duomo 18, 38122 TRENTO
Tel.:0461 234419 / Fax: 0461 260133 / Email: info@amei.info
Copyright 2010 - A.M.E.I. Associazione Musei Ecclesiastici Italiani- tutti i diritti riservati