Collezione

    Il nucleo originale delle collezioni era stato raccolto con grande lungimiranza a partire dagli anni Trenta da Mons. Adriano Bernareggi, allora vescovo di Bergamo. Esso rispecchia in modo prevalente la cultura dei secoli XVI - XIX nell'ambito bergamasco e illustra essenzialmente il periodo che va dal Concilio di Trento al Vaticano II.

    In questi tre secoli nel territorio della Diocesi di Bergamo vengono costruite, o rimodellate quasi tutte le chiese nei centri e nella periferia. Questo immenso sforzo creativo ha lasciato un segno indelebile nel patrimonio artistico e architettonico fino a noi. Chi entra in una qualsiasi chiesa della Diocesi, oggi, vi rintraccia i segni di questa eredità.

    Per capire meglio la storia e il senso delle opere d'arte collocate nelle chiese, quindi, è indispensabile conoscere la concezione di Chiesa e di fede che ne ha determinato la committenza, l'uso liturgico che ne imponeva forme e contenuti, la sensibilità di un popolo che davanti ad esse pregava, cantava, implorava.

    Il Museo Bernareggi, quindi, mentre espone e rilegge le sue collezioni favorisce una migliore comprensione dell'ambiente storico e culturale nel quale è nato quasi tutto il patrimonio artistico presente nel territorio bergamasco. Non un'operazione nostalgica, ma un esercizio della memoria, strumento indispensabile per capire il presente e pensare il futuro.

    Oggetti di uso liturgico si affiancano a immagini di culto provenienti sia da chiese e oratori sia da case private, come da case e da nuclei familiari arrivano i molti documenti della pietà popolare che testimoniano la presenza capillare di riti e usi comuni. Frammenti di decorazioni provenienti da chiese e conventi a fianco dei numerosi ritratti di rappresentanti del clero e di testimonianze della presenza della Chiesa a Bergamo e nella Diocesi conducono il racconto di una storia con peculiarità e ritmo proprio e specifico.

    La vocazione fortemente didattica infine, ha portato ad un allestimento concepito come un percorso a capitoli e a temi e all'offerta di numerosi strumenti multimediali per una comprensione più stratificata e flessibile ad ogni tipo di approccio, da quello sbrigativo a quello più esigente.


A.M.E.I. Sede legale Pisa, P.zza Duomo n.17 - sede operativa: C/O Museo Diocesano Tridentino, P.zza Duomo 18, 38122 TRENTO
Tel.:0461 234419 / Fax: 0461 260133 / Email: info@amei.info
Copyright 2010 - A.M.E.I. Associazione Musei Ecclesiastici Italiani- tutti i diritti riservati